Connect with us

Prima categoria

Presentato il nuovo tecnico Mirko Pagliarini:”Progetto ambizioso”

Presentato il nuovo tecnico Mirko Pagliarini:”Progetto ambizioso”

Si è svolta questa sera, presso la sala riunioni del Campo “Marco Gudini”, la presentazione del nuovo tecnico dell’ASD Città di Rieti, Mirko Pagliarini, alla presenza del Presidente del Club Diego Leoncini e del dirigente accompagnatore Massimo Lattanzi.

LE PRIME PAROLE —  Nel corso dell’incontro si sono registrati i seguenti interventi sotto riportati: “ I presidenti passano, i giocatori passano, – h dichiarato il Dg Marzio Leoncini- gli allenatori pure e visto che le cose non andavano come sarebbero dovute andare, abbiamo preso una decisione. Per certi versi è anche una nostra sconfitta che lascia l’amaro in bocca: rinnovo il ringraziamento a Costantino Fabiani che ci ha aiutato a mettere la prima pietra. La scelta del suo successore è ricaduta su Mirko Pagliarini, la cui esperienza non la scopro io, sia da calciatore professionista, sia da allenatore. Scelta condivisa insieme aimiei amici all’interno del club, non ci nascondiamo di certo e gli obiettivi restano gli stessi di questa estate:vincere il campionato. Ci siamo strutturati e continueremo a rinforzare alcuni settori dove c’è bisogno di ulteriori sinergie. Speriamo che già da domenica il viaggio riprenda la strada auspicata”.

PAGLIARINI — Da parte sua il nuovo allenatore ha evidenziato i motivi che l’hanno convinto a sposare il progetto amarantoceleste. Contento di essere qui – ha detto Mirko Pagliarini -e la cosa che mi ha fatto accettare senza remore è la voglia di essere protagonisti. Il progetto c’è, ma anche l’entusiasmo e la professionalità. Al di là della categoria, questa società mi ha dato la sensazione di voler fare le cose nel modo giusto e portare Rieti nelle categorie che gli competono. Speriamo di ritrovarci qui ad aprile-maggio per festeggiare qualcosa di importante. Dispiace per il mio predecessore, ma ormai so volta pagina. Avevo anche altre soluzioni da valutare, ma dopo la prima chiamata della società mi sono convinto del fatto che qui si sarebbe potuto ricominciare con entusiasmo. Cosa chiedo alla città? Solo vicinanza per persone che hanno attributie coraggio nell’aver voluto ripartire. Mi ha colpito la frase; voglio vincere e riportare il Rieti in alto in tempi brevi . La squadra? So che ha una base forte, strutturata bene, ma poi va dimostrato sul campo. Chiaramente non l’ho costruita io, ma con umiltà si riuscirà a far coesiste le mie idee, col materiale umano che ho a disposizione. Giovane o anziano per me non fa differenza: gioca chi merita e chi in campo denota prontezza. Mercato? Non ne abbiamo parlato, nessuno va via e si riparte da chi c’è. Ma chi ci sta deve starci con la testa giusta. Il mio modulo di riferimento ce l’ho ma prima dei numeri serve un’identità”.

5,038 Visite totali, 137 visite odierne

Tutto su Prima categoria