Connect with us

Basket

Gaetano Papalia assolto dall’accusa di bancarotta fraudolenta perché “il fatto non sussiste”

Gaetano Papalia assolto dall’accusa di bancarotta fraudolenta perché “il fatto non sussiste”

L’ex presidente della Nuova Sebastiani Basket Rieti Gaetano Papalia assolto completamente dall’accusa di bancarotta fraudolenta perché il “fatto non sussiste”. Questa la sentenza emessa dal tribunale di Roma riguardante il procedimento contro la società che nel 2012 aveva ceduto l’area di Tor di Valle alla Eurnova S.r.l. di Luca Parnasi.

ASSOLUZIONE CON FORMULA PIENA — Si chiude così una vicenda che quattro anni orsono ha avuto origine da un temerario quanto infondato esposto inviato alla Procura della Repubblica di Roma dall’arch. Francesco Sanvitto, in rappresentanza del Tavolo della Libera Urbanistica, assistito dall’avv. Edoardo Mobrici, marito della ex consigliera del Comune di Roma Cristina Grancio, espulsa dal M5S. “Una pagina oscura – si legge nella nota ufficiale diffusa alla stampa – di un’odiosa strumentalizzazione politica che ingiustamente ha coinvolto Michele Saggese e Gaetano Papalia, completamente estranei alla faida che ha visto protagonisti costruttori e politici romani in ordine alla realizzazione dello Stadio della Roma.

LA NOTA — Il Tribunale penale di Roma ha riconosciuto l’assoluta correttezza gestionale dei vertici della SAIS S.p.A., vittime pertanto di un’iniziativa giudiziaria – continua la nota – ritenuta avventata ed irresponsabile. Finisce qui un processo che non si sarebbe mai dovuto celebrare.”  A renderne definitivo l’esito assolutorio è stata la richiesta di proscioglimento di. Michele Saggese e di Gaetano Papalia, con cui lo stesso Pubblico Ministero ha concluso il proprio intervento e che il collegio giudicante ha accolto all’esito di una brevissima camera di consiglio.

6,479 Visite totali, 10 visite odierne

Tutto su Basket