Connect with us

Atletica

Atletica, Il saluto all’atletica della leonessa Maria Enrica Spacca

Atletica, Il saluto all’atletica della leonessa Maria Enrica Spacca

La scorsa settimana si è conclusa la 110° edizione dei campionati Italiani a Padova, dove i migliori atleti d’italia hanno combattuto per i 35 titoli messi in palio dalla manifestazione. Tra loro c’era anche Maria Enrica Spacca, atleta di Borgorose del Centro Sportivo Carabinieri, che dopo una carriera di successi e soddisfazioni ha dato addio alla sua amata atletica

LA SPACCA ROSSO BLU – Una delle più importanti figure dell’atletica leggera reatina, una delle tante atlete ed atleti che si è avvicinata al mondo del Guidobaldi grazie alle gare scolastiche. Maria Enrica Spacca è stata notata dal Professor Milardi in una delle tante gare dei giochi sportivi e da quel momento Milardi non avuto nessun dubbio a capire che la giovane di Borgorose sarebbe diventata una delle migliori interpreti Italiane della velocità prolungata. Proprio Milardi è stato il suo primo allenatore nell’allora Studentesca Cariri con cui la Spacca ha vinto 7 medagliere d’oro e 3 medaglie di argento nelle rassegne tricolori. Tanti anche i titoli di squadra con la Cariri e poi con la Studentesca Milardi culminati con la vittoria del titolo a squadre nel 2018 a Modena. Una società per cui non si è mai tirata indietro anche nel momento del suo passaggio al gruppo Forestale prima e Carabinieri dopo, rispondendo sempre presente alla chiamata dei Direttori Tecnici della Studentesca per i campionati di società

L’AZZURRO DELLA LEONESSA – Nel suo passaggio nel 2006 alla Forestale quando la Spacca era nella categoria promesse, la reatina è entrata in pianta stabile anche nel giro della nazionale Italiana, nazionale per cui ha avuto l’onore correre per ben 28 volte. Una trascinatrice nata, una leonessa, soprattutto in quella staffetta 4×400 che le ha dato tantissime soddisfazioni a livello internazionale. Il 2016 sicuramente l’anno da ricordare con un terzo posto ai campionati Europei di Amsterdam prima, insieme all’altra reatina di adozione  Benedicta Chigbolu, e dopo la finale olimpica conquistata sempre con la Chigbolu a Rio De Janeiro dove fu uno storico sesto posto, poi diventato quinto per la squalifica dell’Ucraina

L’ULTIMA GARA ED IL SALUTO – La sua ultima gara è stata proprio una settimana fa a Padova, dove la Spacca purtroppo non si è riuscita a qualificare per la finale dei suoi amati 400. Di certo una non qualificazione che non va a sporcare la carriera di una grande campionessa, che all’età di 34 anni lascia la sua amata atletica. Di seguito il saluto di Maria Enrica Spacca, che si è lasciata andare in un bel post social ringraziando tutte le compagne della sua avventura negli oltre 20 anni di atletica, gli allenatori, i fisioterapisti e tutto il movimento atletica

LA LETTERA DELLA SPACCA

sei entrata nella mia vita in punta di piedi non è stato amore a prima vista il maestro Aldo provava a convincermi che eri bella ma non riuscivo a capire bene è servito il boss Andrea Milardi e la studentesca Milardi a farmi capire che davi dipendenza che una volta entrata nelle mie vene mi avresti regalato grandi emozioni; crescendo mi sono innamorata sempre di più di te; e mi hai dato modo di conoscere tante persone speciali; Roberto Bonomi il PROFESSORE, allenatore, amico, padre che oltre ai risultati mi ha aiutato a crescere e insegnato a vivere tanti momenti belli e brutti della mia vita!; tutti i miei compagni di allenamento con i quali ho vissuto tante avventure tanti allenamenti E oggi alcuni di loro sono miei carissimi amici: Giulia Latini, Ivet Lalova, Cristina Chiani, Luca Verdecchia, Anna Bongiorni, Leonardo Capotosti, Roberto Donati, Simone Collio, un grazie speciale per avermi aiutata e sostenuta nei momenti più difficili! le ragazze del miglio con le quali siamo state rivali in pista ma amiche nella vita di tutti i giorni , Marta Milani, Eleonora Bonfanti, Chiara Bazzoni e Benedicta Chigboli. GRAZIE a Chiara Milardi che mi ha seguita in questi ultimi due anni della mia carriera e nonostante le difficoltà c’è sempre stata! Non possono non citare il GRUPPO SPORTIVO FORESTALE che sempre porterò nel cuore; ora il Centro Sportivo Carabinieri al mio comandante/AMICO Enrico Lang, Fabiola Paoletti per esserci sempre stati; alla Federazione Italiana di Atletica e a tutte le persone che ne fanno parte! Un grazie speciale a Francesco Tamboriello ! Al mio sponsor ASICS  che mi ha supportato in questi anni! Per ultimo non perché meno importante, la mia famiglia alla quale devo tutto GRAZIE per avermi accompagnato in questo lungo viaggio che ci ha regalato gioie e dolori ma voi ci siete sempre stati senza mai farmi sentire sola; e a te Cristian Vulpiani che in un momento difficile sei entrato nella mia vita Decidendo di starmi accanto! GRAZIE ATLETICA
Scusate se mi sono dilungata; Molti non avranno ne anche avuto voglia di leggere tutto ma 20 anni e più sono difficili da raccontare in poche parole!!! In bocca al lupo a tutti

 

2,546 Visite totali, 5 visite odierne

Tutto su Atletica