Connect with us

Altro

Quel senso di responsabilità che ci rende padroni del nostro destino

Quel senso di responsabilità che ci rende padroni del nostro destino

Che abbiate scelto l’hashtag #iorestoacasa o #tuttiacasa poco importa, quel che conta è fare la propria parte. Certo è che vivere in Italia o a Rieti ai tempi del Covid 19 non è facile.

RESPONSABILITA’— Strade deserte, o quasi, negozi chiusi. Chi può ne approfitta per una boccata d’aria in giardino, chi per portare a spasso il cane. In questo nessuna eccezione, da Nord a Sud, a Rieti, Roma, Napoli o Torino. Tutti uguali, tutti su una barca in cui ognuno di noi è capitano che ha il compito di salvare e equipaggio e passeggeri: in altre parole, padroni del nostro destino. Questo il “senso di responsabilità” che ci è stato chiesto dal governo e al quale non possiamo e dobbiamo sottrarci, anche se il prezzo da pagare, almeno nella quotidianità, è elevato. Un decreto che sotto alcuni punti di vista ha generato anche un pizzico di confusione: si può uscire per correre? E in bicicletta? Forse si, ma non in gruppo. Ma poi accade che tanti singoli si ritrovano sulla pista ciclabile, e l’assembramento eccolo comunque. Risultato, pista ciclabile sgomberata e niente più passeggiate. Insomma, non è facile districarsi, ingegnarsi per passare il tempo, trovare un modo per non pensare troppo a quello che accade (o non accade) fuori. Tra un flash mob improvvisato sul balcone, l’amico dj che “invade” con un po’ di musica il quartiere. Ognuno a modo suo, in fondo, almeno questa è una libertà che ci rimane. L’importante è dare il proprio contributo: uniti e forti, senza eccezioni. C’è una nave da condurre in porto, anche se il mare resta agitato.

4,867 Visite totali, 5 visite odierne

Tutto su Altro