Connect with us

Futsal

Real, una sosta che serviva. Ora lavoro, idee chiare ed entusiasmo

Real, una sosta che serviva. Ora lavoro, idee chiare ed entusiasmo

Il successo ottenuto in rimonta contro il Kaos Mantova, per stessa ammissione di Jeffe, ha chiuso nel migliore dei modi un mini ciclo di tre gare, le ultime prima della sosta, in cui il Real ha conquistato tutti e nove i punti disponibili. Ora la sosta, utile a recuperare infortunati, energie e lavorare sulla fase difensiva.

LA FUGA— I tre punti del PalaNeolù hanno assunto ancora più importanza alla luce dei risultati della diciannovesima giornata. Came Dosson e Sandro Abate sono state sconfitte, il che ha permesso al Real di aumentare il vantaggio rispettivamente a 5 e 9 lunghezze. Finalmente, dopo la sosta, si rivedrà Moura, che potrà sfruttare queste settimane per ristabilirsi completamente dopo l’infortunio, ma soprattutto sarà disponibile anche Lukaian. Real al pieno del suo potenziale, eccezion fatta per la squalifica in arrivo per Jelovcic. Sarà importante lavorare anche sulla fase difensiva, perché nelle ultime due uscite il Real ha incassato 11 gol, decisamente troppi, un aspetto su cui Jeffe potrà lavorare senza l’assillo di tanti impegni ravvicinati.

BIG MATCH— Si, perché dopo la sosta iniziano i grandi impegni della stagione, non solo gli scontri diretti in campionato contro Acqua&Sapone, Pesaro e Came Dosson, le Final Eight di Coppa Italia e l’accesso alle Final Four di Coppa Della Divisione, tutti appuntamenti in cui bisognerà arrivare al massimo. Per il momento va bene così, il Real ha allungato dalle inseguitrici e tenuto inalterato il disavanzo dalle prime due della classe, trovando l’entusiasmo giusto e con le idee chiare sugli aspetti su cui lavorare con grande attenzione.

 

2,426 Visite totali, 5 visite odierne

Tutto su Futsal