Connect with us

Futsal

E’ davvero questo il gap da colmare? A Pesaro un Real senza fame

E’ davvero questo il gap da colmare? A Pesaro un Real senza fame

Sono tanti, tantissimi, gli spunti che lascia in eredità la gara contro il Pesaro. Pochi quelli positivi, forse nessuno, ma un interrogativo scatta prepotente in testa: è davvero questo il gap dal colmare? Se si, è una questione meramente tecnica?

RIFLESSIONI— Si può giocare a trovare i colpevoli della debacle al PalaNinoPizza. Qualcuno potrebbe dire: è una sconfitta, ci sta, guardiamo avanti. Su questo si potrebbe obiettare, perché partite come questa servono per misurarsi, capire lo stato di avanzamento dei lavori e soprattutto “pesare” emotivamente la squadra al cospetto dei campioni d’Italia. Bene, a Pesaro non è arrivata neanche una risposta positiva sotto questo punto di vista. Non spetta a noi, o almeno non del tutto, entrare nel merito dei discorsi tecnici, ma possiamo, anzi, abbiamo il dovere di sottolineare una partita in cui i limiti si sono palesati altrove. Si può accettare l’errore tecnico, ci sta, anche per il valore dell’avversario, quello che si fa fatica a metabolizzare è la mancanza di mordente, l’approccio molle certificato dal gol dell’1-0 fa capire subito l’aria: difesa immobile e Canal che ringrazia. Si può discutere sul fatto che Pesaro abbia qualcosa in più in termini di rosa? Si, probabilmente, ma generalmente a questo si sopperisce con un atteggiamento ben diverso da quello visto venerdì. Nonostante il titolo di campione d’Italia in tasca, una estenuante trasferta kazaka, il Pesaro ha dimostrato di avere più fame. E su questo non ci sono dubbi.

COLPE— Come sottolineato in precedenza i colpevoli sono molteplici, perché si vince e si perde tutti, una frase fatta se vogliamo, ma una lezione di vita. Le esternazioni del patron amarantoceleste, a caldo, sono una spada incandescente infilata in una ferita aperta, sulle quali ognuno ha la sua opinione, e la nostra è che un pizzico di delusione fosse comprensibile. Si, perché tra la partita contro l’Acqua&Sapone e quella contro il Pesaro è passata solo una settimana, che vista oggi sembra una vita intera, cosi come sono sembrate due squadre diverse, nello spirito, nell’atteggiamento, nella voglia di lottare. Il tema è sempre lo stesso: il Real a Pesaro non ha proprio giocato, e questo non se lo può permettere, soprattutto dopo il passo falso interno contro la Came Dosson. Questa è una chiave di lettura, la più importante, e probabilmente ce ne sarebbero anche altre: sta di fatto che se anche ci fosse una disparità evidente in termini di rosa, questa potrebbe essere colmata solo lavorando a testa bassa, ma soprattutto entrando in campo con la voglia di mangiarsi il paruqet e un pizzico di orgoglio in più. Ecco, questo davvero non guasterebbe.

2,059 Visite totali, 5 visite odierne

Tutto su Futsal