Connect with us

Calcio

Rieti, senti Marchi: “Juve Stabia? Non abbiamo paura”. Le “Vespe”, senza Paponi, costrette a vincere

Rieti, senti Marchi: “Juve Stabia? Non abbiamo paura”. Le “Vespe”, senza Paponi, costrette a vincere

“A Castellammare senza paura, non abbiamo nulla da perdere”. Alessandro Marchi lancia il guanto di sfida alla Juve Stabia capolista, che lunedì sera, nel monday night della 32ª giornata, dovrà fare i conti con una squadra “ammazzagrandi”, capace in appena due settimane di battere Viterbese e Catanzaro. Il centrocampista pesarese, primo acquisto dell’era-Capuano (ha un contratto in scadenza il 30 giugno 2020) carica l’ambiente ed invita i suoi compagni ad affrontare le “vespe” campane senza troppi timori reverenziali.

SFIDA LANCIATA — “Sarà una gara interessante – dice – perché noi stiamo attraversando un buon momento di forma, loro vorranno rifarsi dopo la sconfitta di Catania, ma soprattutto dovranno guardarsi le spalle dal Trapani che gli è arrivato a due punti».

OUT PAPONI — Ai gialloblù mancherà Paponi (ex Parma), nel Rieti potrebbero rientrare sia Grillo, che Cericola, due carte-jolly in più nel mazzo di Capuano per tentare l’ennesimo colpaccio. “Dopo una prima fase di assestamento – prosegue Marchi – abbiamo trovato un importante equilibrio di squadra: tatticamente il 3-5-2 che adotta Capuano ci consente di difendere con ordine e sfruttare le caratteristiche tecniche dei nostri uomini d’attacco. Segniamo poco? Forse sì, ma quando lo facciamo siamo molto efficaci, perché poi diventa complicato superare la nostra fase difensiva”.

FEDELISSIMO DI CAPUANO — Marchi, al pari di Mattia, è uno degli “aficionados” di Capuano: lo scorso anno a San Benedetto del Tronto aiutarono la causa rossoblù risalendo dal nono al secondo posto per poi disputare un play off di qualità.

“Capuano è un allenatore che conosce questa categoria meglio delle proprie tasche – confida Marchi – Ma d’altronde, per uno che è sul campo da quasi 30 anni non poteva essere altrimenti. Se andiamo ad analizzare i risultati maturati dal suo arrivo a Rieti ad oggi, tolta la sconfitta di Caserta, arrivata peraltro in circostanze sfortunate, solo contro la Virtus Francavilla (0-2 per i pugliesi) abbiamo meritato realmente di perdere”.

TIFOSI DASPATI —  Intanto ieri, gli agenti della Digos della Questura di Rieti hanno denunciato in stato di libertà due tifosi della Viterbese: P.S., del 1994, e L.C.A., del 1982, resisi responsabili del lancio di un sasso all’indirizzo delle Forze dell’Ordine e di tifosi reatini durante il derby Rieti-Viterbese dello scorso 3 marzo allo “Scopigno”. I due sassi, che non hanno raggiunto i tifosi reatini in quanto troppo distanti, hanno terminato la loro corsa su due mezzi della Polizia di Stato causando delle piccole scalfitture sulla carrozzeria. A rivelarlo, le telecamere di videosorveglianza dell’impianto.

2,322 Visite totali, 5 visite odierne

Tutto su Calcio