Connect with us

Calcio

Rieti, squadra senz’anima. Il Rende col minimo ottiene il massimo (1-0). Beni: “Sconfitta immeritata”.

Rieti, squadra senz’anima. Il Rende col minimo ottiene il massimo (1-0). Beni: “Sconfitta immeritata”.

Un Rieti senz’anima, senza mordente, senza motivazioni e con la sensazione che per alcuni le valigie sono solo da chiudere, perde anche contro un più che modesto Rende, una nidiata di ragazzini che la spunta grazie al gol di Vitofrancesco nel finale, lasciando la truppa di Beni con un pugno di mosche in mano.

SQUADRA DA RIFONDARE — Un ko che fa scivolare il Rieti al penultimo posto della classifica, scavalcato proprio dai calabresi e con un solo punto di vantaggio sulla Sicula Leonzio, quest’ultima beffata in pieno recupero dalla Reggina capolista, ma che fa scattare immediato l’allarme. Per centrare la salvezza serve altro, serve soprattutto un gruppo di calciatori motivati e “dentro” al progetto – parafrasando l’ad Di Gennaro – meno “zainetti”, meno scontenti ed una struttura organizzativa all’altezza della categoria. Tredici punti (sul campo) in 19 partite sono davvero pochi, mentre 42 gol subìti in un intero girone rappresentano un dato statistico inedito per i colori amarantoceleste, solitamente rinomata per portieri di spessore e difensori di carattere.

FA TUTTO VITOFRANCESCO — La cronaca della partita? Primo tempo col Rieti più intraprendente, ma sterile sotto porta e Rende attendista. Nella ripresa un appiattimento generale “spezzato” dal lampo di Vitofrancesco che in un minuto fa di tutto: colpisce la traversa, sulla ribattuta segna il gol-partita  e poi, nella foga dell’esultanza, si becca il secondo giallo e lascia la squadra in inferiorità numerica. Nel finale ci prova il baby Esposito a riequilibrare le sorti, ma la sua conclusione esce di poco a lato. Tutto qui.

BORDOCAMPO  — Inutile negarlo: Roberto Beni si sarebbe aspettato ben altro esordio, nonostante la consapevolezza di aver ereditato un Rieti “problematico”, in stand-by ormai da più d’un mese. Ma sperava ugualmente di tornare da Rende con i punti in tasca: nulla di tutto ciò.

“E’ una sconfitta che fa male – dice Beni in sala stampa -, sapevamo già però che a prescindere dal risultato avremmo dovuto solo continuare a lavorare. Considerando l’andamento della gara e le occasioni avute, probabilmente anche il pareggio ci sarebbe stato stretto, ma sul gol siamo stati ingenui ed abbiamo commesso un errore grave sul gol abbiamo commesso un errore difensivo grave. Ora serve solo rimboccarsi le maniche e lavorare”.

Domenica il calendario propone un’altra trasferta, quella del Liberati contro la Ternana ferita dal pari di Cava de’ Tirreni che allontana ulteriormente le Fere dalla vetta. Ma per farla franca serve ben altro rispetto a quello visto in campo contro il Rende. “Credo che qualità e carattere a questa squadra non manca, non era facile venire oggi qui e fare questo tipo di partita. Ora la priorità è dare serenità all’ambiente, capire quali tra questi giocatori andrà via e chi rimarrà qui, in modo da avere l’assetto definitivo. Di sicuro fare risultato oggi ci avrebbe dato slancio e serenità per lavorare meglio”.

Il tabellino del match:

RENDE-RIETI 1-0 (p.t. 0-0)

RENDE (4-3-3): Savelloni; Blaze, Bruno, Nossa, Vitofrancesco; Cipolla (57’ Godano), Collocolo, Murati; Giannotti (84’ Ampollini), Morselli (68’ Vivacqua),Rossini. A disp. Palermo, Borsellini, Origlio, Libertazzi, Ndiaye, Soomets, Drkusic, Koly. All. Guardia.

RIETI (4-3-3): Pegorin; Tiraferri, Bellopede  (86’C. Esposito) , Gigli (77’ Granata), Zanchi, Marino (57’ Aquilanti), Zampa, Tirelli; De Paoli, Marcheggiani (77’ Del Regno), De Sarlo (57’ Beleck). A disp.: Addario, Arcaleni, Sette, Poddie, Bartolotta, Nallo. All. Beni.

ARBITRO: Nicolini di Brescia  (Votta-Dell’Orco)

RETE: 80’ Vitofrancesco (Re),

NOTE: all’81’ Vitofrancesco espulso per somma di ammonizioni; ammoniti Zampa (R), Vitofrancesco (Re), Giannotti (Re), Zanchi (R).

4,270 Visite totali, 5 visite odierne

Tutto su Calcio