Connect with us

Altri sport

Una tradizione che si specchia sulle acque limpide del Velino: è la Festa Del Sole e di Rieti

Una tradizione che si specchia sulle acque limpide del Velino: è la Festa Del Sole e di Rieti

Le acque limpide del Velino sembrano rimaste immobili nel tempo, tempo incapace di logorare una tradizione sentita e vissuta da migliaia di reatini, quella della Festa Del Sole.

EMOZIONI— Racchiudere tutto in poche, semplici parole non è facile, perché la Festa Del Sole è un concentrato di tante cose: di storie, di generazioni capaci di tramandare, di folklore, di vita vissuta, di competizione e di ricordi. Lo sanno i reatini, che a tutto questo restano legati indissolubilmente, e che anche ieri, a migliaia, sono arrivati sul fiume Velino per godersi la cinquantunesima edizione. Il fiume Velino è il palcoscenico giusto, limpido, veloce, duro da combattere, capace di punirti e di esaltarti. Il saluto delle istituzioni e di Sua Eccellenza Vescovo Domenico Pompili, poi via alle gare, con la Pertica, via alle prime polemiche, al tifo sfrenato, ai colpi proibiti. Vince Quattro Strade con Mauro Onofri, seconda Piazza Tevere con Andrea Martinelli. Poi si pedala, a favore e contro la corrente, con fatica, una fatica che Roberto Giovannelli di Campoloniano riesce a trasformare in una vittoria.

PORTA ARRINGO PIGLIATUTTO— E’ solo l’ultimo sussulto “per gli altri”, perché è qui che entra in gioco Porta Arringo, capace di prendersi tutto. Prima gli imbattibili Gianluca e Bruno Grillo nella barca fiumarola, poi Andrea Santini nel pezzo forte della giornata, il Palio Della Tinozza. Una doppietta, quella di Porta Arringo, che vale anche il Gonfalone, secondo consecutivo, e la festa è inevitabile. Ognuno scende in acqua per qualcosa o per qualcuno, qualcuno da onorare e ricordare, qualcuno che magari è stato fonte di ispirazione. E chissà cosa abbia spinto lei, Silvia Miluzzi, prima “tinozzara” donna in cinquantuno anni di storia, ultima nella gara, un aspetto che conta poco di fronte all’essere pionieri, nulla di fronte al pubblico che ti acclama e ti sospinge nei faticosissimi metri finali. La Festa Del Sole è anche questo, un qualcosa che non deve essere disperso e sperperato, ma conservato con cura, perché Rieti è ancora capace di specchiarsi nelle acque limpide e uniche del suo fiume.

1,910 Visite totali, 5 visite odierne

Tutto su Altri sport