Connect with us

Basket

Sconfitta che fa male in gara uno ma zero drammi, Feliciangeli:”I ragazzi reagiranno”, Martini:”Serie lunga”

Sconfitta che fa male in gara uno ma zero drammi, Feliciangeli:”I ragazzi reagiranno”, Martini:”Serie lunga”

Fa male, soprattutto per come è arrivata. Rieti però dovrà avere la bravura di resettare in meno di 24 ore, ritrovarsi e reagire con decisione in uno dei palazzetti più caldi d’Italia. Domani gara due , e come spesso accade in un playoff, tutto può cambiare.

CI VUOLE UNA REAZIONE — Ne è consapevole il Team Manager Picchio Feliciangeli:”Non voglio prendere come alibi il fatto che loro offensivamente non abbiano fatto una grande partita per l’assenza di Logan. Ci hanno superato nettamente in energia e voglia, oggettivamente sono mancati i nostri due USA che hanno tirato 1 su 16 dal campo. Sono sicuro – sottolinea Feliciangeli —  ogni volta che hanno preso consapevolezza dei loro errori, che possono essere tecnici o emotivi, hanno avuto sempre una reazione straordinaria. Sono molto sereno, perchè i ragazzi in 24 ore hanno avuto la capacità di reagire ed i nostri Usa affronteranno gara due in maniera diversa. C’è da dire però che l’approccio non è stato quello che si dovrebbe avere in una gara uno dei quarti, ed i ragazzi devono imparare ad affrontare queste situazioni in maniera decisamente diversa. Questo non toglie nulla ai meriti di Treviso che senza Logan ha approfittato della situazione, gli italiani hanno preso maggiori responsabilità, creando un gap di oltre 20 punti”.

SERIE LUNGA — Anche il DS Martini è dello stesso avviso:”Voglio fare i complimenti a Treviso, che ha saputo compattarsi nelle difficoltà degli infortuni, come abbiamo fatto noi durante alla stagione sopperendo alle assenze. Vittoria meritata ma siamo soltanto 1 a 0, la serie è lunga ed abbiamo il dovere di crederci per noi stessi, per il nostro pubblico e per il grande lavoro che abbiamo fatto fino ad adesso. Domani sarà un altro giorno, un’altra partita, dobbiamo imparare dagli errori che abbiamo commesso, siamo una squadra giovane, consapevoli dei nostri limiti e dei nostri punti di forza. Non dobbiamo mai perdere la lucidità nel fare le cose che prepariamo che è una cosa importante soprattutto su campi così caldi. ”

3,171 Visite totali, 10 visite odierne

Tutto su Basket